Notizie Giuridiche

Novità sulle pensioni. Lavori usuranti: le categorie escluse dall’aumento dell’età pensionabile.

Prosegue il confronto serrato tra Governo e Sindacati. Atteso per lunedì un nuovo incontro.

circolare-inps-cumulo-gratuito
Novità pensioni

Prosegue il confronto serrato tra Governo e sindacati sul tema caldo della Riforma Pensioni. Sul tavolo c’è l’adeguamento dell’età pensionabile all’aspettativa di vita.

Il Governo propone di esentare dall’aumento automatico dell’età pensionabile diverse categorie di lavori usuranti per i quali dovrebbe essere scongiurato l’incremento della soglia a 67 anni a partire dal 2019

In particolare si pensa di escludere dallo scatto dell’età pensionabile:

  • Macchinisti ferroviari,
  • Camionisti,
  • Gruisti,
  • Muratori,
  • Facchini,
  • Badanti di persone non autosufficienti,
  • Addetti alle pulizie,
  • Addetti alla raccolta dei rifiuti,
  • Conciatori di pelli,
  • Marittimi,
  • Operai della siderurgia,
  • Braccianti agricoli,
  • Maestre di asilo nido e di scuola materna,
  • Infermieri e ostetriche che fanno i turni di notte.


E’ stato ribadito che per i lavoratori non ricompresi nelle categorie evidenziate lo dell’età pensionabile a 67 anni è un punto fermo per il Governo. Inutile dire che i sindacati sono critici su questa posizione e chiedono l’ampliamento delle categorie che potranno beneficiare del provvedimento di esclusione dall’incremento dell’età pensionabile.

Sono attesi sviluppi già dalla giornata di lunedì prossimo.

Tags

Fabrizio Gareggia

Avvocato iscritto all'Ordine degli Avvocati di Perugia - Laurea in Giurisprudenza conseguita presso l'Università degli Studi di Perugia con una tesi in Diritto del Lavoro sul tema "Il principio di non contestazione nel processo del lavoro - Cass. SSUU 761/2002". Esercita la professione legale nel proprio studio sito in Bastia Umbra (PG)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Ricevi ogni giorno le notizie più importanti

 

Comodamente su Messenger.

Il servizio è gratuito e puoi cancellarti quando vuoi.

Solo le informazioni che contano, niente pubblicità.