Notizie Giuridiche

Mutui e usura: il cumulo tra interessi compensativi e di mora è possibile?

L'ordinanza della Cassazione n. 23192/17 secondo alcuni sembra dire di si, ma attenzione ai facili entusiasmi.

Il pregio dell’ordinanza 23192/17 è quello di aver espresso in maniera chiara un principio di diritto che, seppur pacifico nella giurisprudenza di legittimità, è stato spesso disatteso dalle corti di merito: se gli interessi moratori al momento della stipula superano il tasso soglia, non è dovuto alcun tipo di interesse né moratorio né corrispettivo, anche se quest’ultimo sia stato convenuto nei limiti della soglia. Si parla, quindi di usura bancaria originaria e non di usura sopravvenuta.

Ad una prima lettura di questa stringata ordinanza, molti commentatori (avvocati ed associazioni di consumatori) si sono lasciati andare a commenti entusiastici, leggendo tra le righe la tanto attesa pronuncia della Cassazione che legittima il cumulo tra interessi compensativi e interessi di mora al fine di determinare il superamento del tasso soglia.



Purtroppo nulla di tutto questo è scritto nell’ordinanza 23192/17 che, come detto, rimane estranea a questa tematica, limitandosi a confermare l’applicabilità dell’art. 1815 c.c. anche se il superamento del tasso soglia riguarda gli interessi moratori.

Vuoi rimanere aggiornato sulle novità di Diritto.tv? Iscriviti al nostro chatbot su Facebook Messenger.

A dire il vero, tra le interpretazioni errate occorre annoverare anche quelle di qualche avvocato che difende le banche e che, per dovere di mandato, arriva a confutare l’evidenza: la Cassazione si è infatti espressa in maniera inequivocabile, stabilendo che il superamento della soglia d’usura degli interessi moratori al momento della stipula rileva ai fini dell’accertamento dell’usurarietà della clausola.

L’auspicio, quindi, è che si giunga ad una uniformità di giudizio su questo tema da parte delle corti di merito, ma soprattutto che intervenga una pronuncia chiara, magari delle Sezioni Unite della Cassazione, sulla possibilità (o sulla impossibilità) di cumulare i tassi di interesse corrispettivi e moratori, al fine di verificare il superamento del tasso soglia d’usura.



Cumulo tra interessi compensativi ed interessi di mora ai fini dell'usura
Il cumulo tra interessi è una delle questioni più dibattute in materia di usura bancaria.

Cosa sono gli interessi?

Gli interessi possono essere definiti come la somma dovuta a titolo di compenso per ottenere un capitale per un certo periodo. Questa definizione coincide con quella dei c.d. interessi compensativi che si distinguono dagli interessi moratori.

Questi ultimi, infatti, rappresentano una somma di danaro che il debitore è tenuto a pagare al creditore in caso di inadempimento (o ritardo nell’adempimento) a titolo di risarcimento del danno.

 

 

Tags

Fabrizio Gareggia

Avvocato iscritto all'Ordine degli Avvocati di Perugia - Laurea in Giurisprudenza conseguita presso l'Università degli Studi di Perugia con una tesi in Diritto del Lavoro sul tema "Il principio di non contestazione nel processo del lavoro - Cass. SSUU 761/2002". Esercita la professione legale nel proprio studio sito in Bastia Umbra (PG)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Ricevi ogni giorno le notizie più importanti

 

Comodamente su Messenger.

Il servizio è gratuito e puoi cancellarti quando vuoi.

Solo le informazioni che contano, niente pubblicità.