Notizie Giuridiche

La buona scuola: stop dalla Consulta

Anche i professori di ruolo potranno partecipare ai concorsi per la selezione dei docenti: la Corte Costituzionale boccia la norma della Buona Scuola che li esclude.

buona-scuola
La buona scuola bocciata dalla Corte Costituzionale

La Buona Scuola sotto la scure della Corte Costituzionale.

A partire dai prossimi concorsi pubblici per la selezione dei docenti anche i professori di ruolo e con contratto a tempo indeterminato potranno partecipare. La Corte Costituzionale, infatti, ha dichiarato costituzionalmente illegittima la norma della Buona Scuola che ne impediva la partecipazione.

I Giudici della Consulta hanno ritenute fondate le questioni di legittimità costituzionale dell’art. 1, comma 110, della legge n. 107 del 2015, sollevate dal TAR Lazio con ordinanza iscritta al n. 134 del 2015, con riferimento agli artt. 3,51 e 97 Cost.

Non è giustificato infatti precludere l’accesso ad un concorso pubblico, che per sua natura è volto a selezionare le migliori professionalità da adibire ad un certo incarico, sulla base di un criterio che viene definito “eccentrico”, vale a dire il non avere in corso un contratto di lavoro a tempo indeterminato. La finalità di contrastare il precariato nella scuola non basta a giustificare questa esclusione, non potendosi impedire a chi è giò in ruolo di ambire a migliorare la propria posizione lavorativa.

Per altro, una analoga esclusione non è prevista per i docenti di scuola paritaria che, a prescindere dalla tipologia contrattuale con la quale sono assunti, possono comunque partecipare ai concorsi.

La Corte Costituzionale, quindi, con la sentenza n. 251 pubblicata il 6 dicembre 2017 annulla il divieto di partecipazione ai concorsi pubblici per i docenti con contratto a tempo indeterminato, previsto dalla Buona Scuola per risolvere il problema del precariato. Dai prossimi concorsi, anche i professori già assunti con contratto a tempo indeterminato potranno partecipare alle selezioni.

 

 

Tags

Fabrizio Gareggia

Avvocato iscritto all'Ordine degli Avvocati di Perugia - Laurea in Giurisprudenza conseguita presso l'Università degli Studi di Perugia con una tesi in Diritto del Lavoro sul tema "Il principio di non contestazione nel processo del lavoro - Cass. SSUU 761/2002". Esercita la professione legale nel proprio studio sito in Bastia Umbra (PG)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Ricevi ogni giorno le notizie più importanti

 

Comodamente su Messenger.

Il servizio è gratuito e puoi cancellarti quando vuoi.

Solo le informazioni che contano, niente pubblicità.