Notizie Giuridiche

Assegno di mantenimento alla ex moglie addio

Anche Veronica Lario perde il suo assegno di mantenimento e i tribunali continuano a negare il diritto all'assegno di mantenimento per l'ex coniuge che non dimostra di trovarsi nell'impossibilità di reperire un'occupazione stabile.

assegno-mantenimento-ex-moglie
Niente più assegno di mantenimento per l’ex moglie dopo il divorzio

Sono finiti i tempi in cui l’assegno di mantenimento alla ex moglie in caso di separazione o di divorzio era un automatismo.

Da maggio di quest’anno, infatti, la Cassazione, con la sentenza Grilli-Lowenstein [1] ha completamente ribaltato la precedente giurisprudenza, applicando un nuovo principio, definito della “autoresponsabilità economica” dei coniugi.

I tribunali stanno facendo applicazione di questo principio, anche se in maniera non uniforme: alcuni giudici cercano di temperare la nuova interpretazione giurisprudenziale inaugurata dalla sentenza del maggio scorso. Altri, invece, aderiscono pienamente a questa linea.



E’ questo il caso della nuova pronuncia del Tribunale di Pescara [2] che nega l’assegno di mantenimento alla ex moglie che non ha dimostrato di non essere in grado di provvedere a sé stessa.

Il caso affrontato dal Tribunale vede contrapposti due ex coniugi: un marito che dispone di redditi modesti con un’esperienza imprenditoriale conclusa in maniera non felice, costretto a ricorrere all’aiuto dei genitori per tirare avanti. Dall’altra parte la ex moglie che ricava un reddito, seppur minimo, lavorando come baby sitter.

Per il giudice i due ex coniugi hanno una situazione economica equivalente e, soprattutto, la donna che richiede l’assegno di mantenimento non riesce a provare di non essere economicamente autosufficiente.

L’assegno di mantenimento alla ex moglie dopo il divorzio va quindi negato.



Tags

Fabrizio Gareggia

Avvocato iscritto all'Ordine degli Avvocati di Perugia - Laurea in Giurisprudenza conseguita presso l'Università degli Studi di Perugia con una tesi in Diritto del Lavoro sul tema "Il principio di non contestazione nel processo del lavoro - Cass. SSUU 761/2002". Esercita la professione legale nel proprio studio sito in Bastia Umbra (PG)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Ricevi ogni giorno le notizie più importanti

 

Comodamente su Messenger.

Il servizio è gratuito e puoi cancellarti quando vuoi.

Solo le informazioni che contano, niente pubblicità.