Notizie Giuridiche

Anatocismo bancario e commissione di massimo scoperto: stop anche con il conto corrente ancora aperto.

Addebti illegittimi per anatocismo e commissione massimo scoperto si possono annullare anche se il conto corrente è ancora aperto.

anatocismo-bancario-commissione-massimo-scoperto
Anatocismo bancario e commissione massimo scoperto

Anche se il conto corrente è ancora aperto è possibile chiedere la restituzione delle somme indebitamente addebitate per la commissione di massimo scoperto e per anatocismo bancario. Questo è quanto stabilisce la Corte di Cassazione con un’ordinanza pubblicata il 30 novembre (leggi qui il testo integrale) che interviene su una questione controversa nella giurisprudenza di merito e, cioè, se sia possibile ottenere il rimborso delle somme versate per l’applicazione dell’anatocismo bancario e per l’illegittima applicazione della commissione massimo scoperto.

Le correnti giurisprudenziali sul punto.

Su questo aspetto si erano affermate diverse opzioni interpretative.

Una tesi maggioritaria ritiene che non sia possibile chiedere la restituzione di quanto versato con l’azione di ripetizione di indebito fino a quando il conto corrente è aperto: in questo caso, quindi, per poter ottenere il rimborso delle maggiori somme versate a favore della banca per anatocismo bancario o per l’illegittima applicazione della cms (commissione massimo scoperto) occorre attendere la chiusura del conto corrente.

Fino a tale data, infatti, l’annotazione in conto di una posta di interessi, maggiore rispetto al dovuto  per anatocismo bancario, o di commissione massimo scoperto illegittimamente addebitati dalla banca non costituiscono un pagamento del quale sia possibile ottenere in giudizio la restituzione. Solo una volta chiuso il conto corrente, con la definitiva cristallizzazione del saldo, la pretesa della banca – determinata comprendendo l’applicazione dell’anatocismo bancario e degli addebiti per la commissione massim scoperto – potrà essere opposta e rideterminata senza gli addebiti illegittimi (1).

In definitiva, l’azione di ripetizione di indebito è inammissibile in costanza di rapporto: il correntista non può ottenere la restituzione delle somme illegittimamente versate alla banca.

La tesi minoritaria, invece, con diverse impostazioni ritiene ammissibile la richiesta di restituzione delle somme illegittimamente versate per anatocismo bancario o commissione massimo scoperto se contestualmente viene chiesta anche la risoluzione del contratto di conto corrente (2). In altro caso, l’azione di ripetizione di indebito è stata ritenuta ammissibile perché finalizzata ad ottenere, attraverso la declaratoria di illegittimità degli addebiti per anatocismo bancario e commissione massimo scoperto, lo storno delle annotazioni indebite in conto corrente ed il conseguente ricalcolo del saldo al momento della domanda (3).

Anatocismo bancario e commissione massimo scoperto

Secondo l’ordinanza in commento (4) va confermata la sentenza della Corte d’Appello che, oltre a dichiarare illegittimi gli effetti e le pattuizioni in materia di anatocismo bancario e commissione massimo scoperto, stabilisca a favore del correntista e in costanza di rapporto la restituzione delle somme indebitamente addebitate per interessi e commissione di massimo scoperto.

Il fatto che il conto sia ancora aperto non incide sulla possibilità di ottenere la restituzione di quanto versato illegittimamente, ma solo sulla diversa decorrenza del termine di prescrizione per la proposizione dell’azione di ripetizione di indebito.

Sotto il profilo della prescrizione di questa azione, la Suprema Corte ribadisce il consolidato orientamento in base al quale la prescrizione decorre diversamente a seconda della tipologia delle rimesse delle quali si denunzia l’illegittimità.

In presenza di rimesse che hanno carattere restitutorio, vale a dire ad esempio quelle che sono volte a ricostituire la provvista di un conto affidato, la prescrizione decorre dalla singola operazione. Mentre per le operazioni che hanno carattere solutorio (tutti quei versamenti che sono destinati a risolversi in un pagamento verso la banca: ad esempio per rientrare entro i limiti del fido concesso o per riportare in attivo il saldo di un conto corrente non affidato) la prescrizione decorre dalla chiusura del conto corrente.

Ma vi è di più. Sotto il profilo dell’onere probatorio non è il correntista che agisce per la restituzione delle somme illegittimamente versate per anatocismo bancario o commissione di massimo scoperto a dover provare la qualità delle rimesse effettuate (restitutorie o ripristinatorie). Incombe invece sulla banca, che eccepisca l’intervenuta prescrizione del diritto, l’onere di provare la tipologia della rimessa, dovendosi ritenere questa un elemento costitutivo dell’eccezione svolta.

  1. Tra le altre, si inseriscono nell’orientamento maggioritario: Cassazione, 15 gennaio 2013, n. 768;Tribunale di Catanzaro, 5 aprile 2016, n. 581; Tribunale di Agrigento, 14 aprile 2016, n. 446;
  2. Corte di Appello di Taranto, 7 maggio 2015, n. 1572;
  3. Tribunale di Torino, 25 luglio 2015, n. 4789;
  4. Cassazione, ordinanza n. 28819 del 30 novembre 2017;

 

Tags

Fabrizio Gareggia

Avvocato iscritto all'Ordine degli Avvocati di Perugia - Laurea in Giurisprudenza conseguita presso l'Università degli Studi di Perugia con una tesi in Diritto del Lavoro sul tema "Il principio di non contestazione nel processo del lavoro - Cass. SSUU 761/2002". Esercita la professione legale nel proprio studio sito in Bastia Umbra (PG)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close

Ricevi ogni giorno le notizie più importanti

 

Comodamente su Messenger.

Il servizio è gratuito e puoi cancellarti quando vuoi.

Solo le informazioni che contano, niente pubblicità.